Parco Archeologico di Carmignano

Parco
Archeologico
di Carmignano

SMEC — Sistema Museale Etrusco Carmignanese SCOPRI MiBACT Comune di Carmignano

SMEC — Sistema Museale Etrusco Carmignanese

Parco
Archeologico
di Carmignano

MiBACT

Comune di Carmignano

News & Info

Novità e informazioni utili dal Museo e dal Parco Archeologico di Carmignano

Altre news

News & Info

Novità e informazioni utili dal Museo e dal Parco Archeologico di Carmignano

Altre news

IL MUSEO E I SITI ARCHEOLOGICI

Museo Archeologico “Francesco Nicosia”

Il Museo Archeologico di Artimino costituisce il cuore di un territorio ricco di splendide testimonianze etrusche. Ospita straordinari corredi funebri orientalizzanti restituiti dalle necropoli di Prato Rosello e di Comeana, fra i quali spiccano una coppa di vetro turchese, placchette e statuette di avorio, oggetti di bucchero di raffinata fattura, sculture funerarie, oltre a testimonianze provenienti dai nuclei insediativi etruschi di Artimino e Pietramarina.
Il Museo e i siti archeologici sono immersi in un contesto naturalistico e paesaggistico tra i più belli della Toscana, vicino a città d’arte come Firenze, Pisa, Siena e Lucca.

Scopri il museo

Nel complesso

0
Museo
0
Aree archeologiche
0
Anni di ricerche

Le aree archeologiche

Alcune splendide architetture riportate alla luce dalla metà degli anni Sessanta del secolo scorso ad oggi , hanno rilevato una straordinaria fioritura culturale ed economica del centro etrusco di Artimino e del suo territorio dal periodo “orientalizzante” della civiltà etrusca (VII sec. a. C.).
Ne costituisco le principali testimonianze i tumuli gentilizi della necropoli monumentale di Comeana con il grandioso Tumulo di Montefortini e quello che sorge poco lontano della tomba dei Boschetti, la necropoli di Prato Rosello, oltre ai resti dell’abitato di Artimino e dell’insediamento etrusco di Pietramarina.

Scopri le aree

Aree Archeologiche

Alcune splendide architetture riportate alla luce dalla metà degli anni Sessanta del secolo scorso ad oggi , hanno rilevato una straordinaria fioritura culturale ed economica del centro etrusco di Artimino e del suo territorio dal periodo “orientalizzante” della civiltà etrusca (VII sec. a. C.).
Ne costituisco le principali testimonianze i tumuli gentilizi della necropoli monumentale di Comeana con il grandioso Tumulo di Montefortini e quello che sorge poco lontano della tomba dei Boschetti, la necropoli di Prato Rosello, oltre ai resti dell’abitato di Artimino e dell’insediamento etrusco di Pietramarina.

Scopri le aree

“Se la Grecia dominò con l’intera sua civiltà la Sicilia e l’Italia meridionale, dette anche forme e soggetti all’arte del popolo etrusco.
La civiltà etrusca si affaccia alla storia allorquando sui poveri sepolcreti a cremazione del periodo del ferro si distende in Etruria il manto lussuoso dell’arte orientalizzante, accompagnato dal rito dell’inumazione nelle tombe a camera.”

Alessandro Della Seta

“Un viatore antico poteva giungere al sito dell’odierna Comeana, intorno alla metà del VII secolo a.C., superando l’ampia pianura ricca di acque che separa le propaggini della dorsale appenninica e del Monte Giovi dalla catena del Montalbano, sia venendo da Nord-Est (area attualmente occupata da Fiesole, Quinto, Sesto Fiorentino, Settimello e Calenzano), sia venendo da Nord e dal corso del Bisenzio (area di Prato e Montemurlo), sia infine venendo da Ovest-Nord Ovest, seguendo un itinerario segnato dal corso dell’Ombrone ai piedi del Montalbano.

Il passaggio più agevole verso la costa tirrenica e i “commerci” oltremarini era qui costituito dal superamento attraverso la zona dell’attuale Comeana ed il non proibitivo valico di Artimino, dall’ultima propaggine del Montalbano, evitando la traversata non scevra di pericoli dell’Ombrone e ritrovando, oltre la confluenza di questo nell’Arno, l’itinerario segnato dal corso del grande fiume”.

Francesco Nicosia

 

Didattica

Per facilitare l’incontro con il mondo dell’Etruria antica, il Museo propone ogni anno visite didattiche, laboratori e percorsi progettati per le scuole.

Scopri di più

Antiche maioliche di Bacchereto

La sezione distaccata del Museo Archeologico di Artimino presso il Complesso di S. Maria Assunta di Bacchereto con le maioliche del XIV-XVI sec.

Scopri di più

Didattica

Per facilitare l’incontro con il mondo dell’Etruria antica, il Museo propone ogni anno visite didattiche, laboratori e percorsi progettati per le scuole.

Scopri di più

Antiche maioliche di Bacchereto

La sezione distaccata del Museo Archeologico di Artimino presso il Complesso di S. Maria Assunta di Bacchereto con le maioliche del XIV-XVI sec.

Scopri di più

Iscriviti alla newsletter del Museo

Iscrivendosi sarà possibile ricevere le notizie in merito alle iniziative culturali proposte sul territorio.
Le mail inviate saranno al massimo cinque al mese.

In evidenza

Scopri la nostra offerta didattica sempre aggiornata e le novità dal museo e dal territorio che non puoi perdere!

Guarda tutto
  • Il gioco di Pegaso

Il gioco del Pegaso

Dicembre 5th, 2019|

Realizzato appositamente per i giovani visitatori del Museo Archeologico, il “Gioco del Pegaso” consente di esplorare il mondo degli Etruschi ed in particolare le testimonianze del territorio artiminese con un approccio ludico e interattivo.

In evidenza

Scopri la nostra offerta didattica sempre aggiornata e le novità dal museo e dal territorio che non puoi perdere!

Guarda tutto