Il progetto all’avanguardia rende il Museo Archeologico di Artimino uno dei pochi in Italia ad avere il servizio di video guide, caricate su appositi tablet disponibili gratuitamente per i visitatori che ne facciano richiesta.

Uno strumento di inclusione culturale, che arriva nel momento in cui la lingua dei segni è stata riconosciuta – esattamente lo scorso 19 maggio 2021 – come lingua ufficiale italiana, dopo decenni di richieste e campagne di sensibilizzazione.

La videoguida, realizzata per il Comune dalla Digi.Art di Reggio Calabria, con la traduzione nel linguaggio dei segni  a cura di Lorenzo Nizzi Vassalle, sarà fruibile tramite tablet che saranno consegnati ai visitatori che ne facciano richiesta gratuitamente. Attraverso un percorso guidato – selezionando a scelta una delle nove sezioni in cui sono articolati i trenta video disponibili – saranno illustrati i principali reperti archeologici esposti nelle sale e i riferimenti ai monumenti che li hanno restituiti: con una o più foto e un video per ciascuno, accompagnando i visitatori  – come già avviene con le tradizionali audioguide, disponibili in quattro lingue diverse – in un viaggio alla scoperta della storia etrusca del territorio e delle sue curiosità.

Sei video nel linguaggio dei segni, più brevi rispetto a quelli dei tablet, saranno disponibili a breve anche anche su qwuesto sito, mentre tutti i video sono accessibili anche dal sito delle videoguide Lis www.videoguidalis.it/museoarcheologicoartimino

Il progetto del Comune di Carmignano è stato finanziato nel 2020 dalla Regione

 

Comunicato stampa presentazione Video Guide LIS – 17.06.2021